“Cig rinviata, tasse sospese e incentivi per l’occupazione”

0
71

“Le maggiori risorse” derivanti dall’ulteriore indebitamente di 25 miliardi “saranno utilizzate per interventi sull’occupazione, fisco, liquidità, enti territoriali, scuola. Una parte delle risorse reperite con lo scostamento saranno destinate al sostegno di alcuni settori specifici, in particolare saranno adottate misure in sostegno dell’automotive e del turismo”.

Lo ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in audizione presso le commissioni riunite Bilancio di Camera e Senato, in merito alla richiesta dell’ulteriore scostamento di bilancio di 25 miliardi.

“All’esame la proroga della Cig per 18 settimane e interventi per aiutare e sostenere il mercato del lavoro a ripartire, con incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato. Vi sarà inoltre una deroga alle norme sui contratti a termine e le proroghe per le procedure semplificate per il ricorso allo smart working nel settore privato. L’estensione della cassa integrazione che è all’esame del governo – ha spiegato – avverrà anche con degli elementi di differenziazione e selezione della platea delle imprese, chiedendo a quelle che possono, un contributo a questo strumento.

Nel futuro decreto saranno adottate misure per automotive e turismo

Nel prossimo decreto legge, oltre all’incremento delle risorse a ristoro e le perdite di gettito, saranno previste risorse per investimenti per circa 5,5 miliardi” per gli enti locali. Gualtieri ha inoltre annunciato che saranno riprogrammate le scadenze relative ai “versamenti tributari e contributivi sospesi nella fase di emergenza, prevedendo la possibilità di rateizzare il debito fiscale su un orizzonte temporale che sarà definito in modo da assicurare che per il 2020 si riduca sensibilmente il peso dell’onere, che altrimenti graverebbe sui contribuenti in difficoltà. Con lo stesso obiettivo saranno ulteriormente differiti i termini per la ripresa della riscossione attualmente fissati al 31 agosto”.

Secondo il titolare del Mef, le risorse autorizzate fin qui dal Parlamento, che ammontano a 75 miliardi, hanno permesso di mettere in campo «interventi eccezionali per dimensione e portata tra i più ampi a livello internazionale, che hanno consentito fin qui di contenere, per quanto possibile, gli effetti negativi sull’economia. E ragionevole ritenere che in assenza di questi interventi l’impatto sarebbe stato ancora maggiore.

Si stima che siano almeno 1,5 milioni i posti di lavoro salvati attraverso le misure adottate fino ad ora». Parlando del Programma nazionale di riforma, Gualtieri ha assicurato che si tratta del documento più avanzato tra tutti gli Stati membri. Il Recovery pian verrà presentato in autunno, sarà un piano con obiettivi precisi e molto dettagliato ha concluso – vogliamo essere tra i primi a presentare in autunno per dare certezze agli operatori economici e lavorare insieme al rilancio dell’economia italiana”.

Al vaglio altre 18 settimane di casa e interventi per le assunzioni

Le commissioni parlamentari hanno audito anche i rappresentanti di Bankitalia e il presidente dell’ufficio parlamentare di bilancio. Secondo il capo del Servizio Struttura economica della Banca d’Italia, Fabrizio Balassone, “inizia ora un percorso tutt’altro che agevole. Andranno delineati in tempi rapidi progetti di investimento e di riforma lungimiranti, concreti e dettagliati; soprattutto tali progetti andranno attuati senza ritardi e inefficienza. La sfida che attende il Governo e il Parlamento è di dare contenuto attuativo alle indicazioni contenute nel Pnr, garantendo efficacia, efficienza e rapidità degli interventi.

Nei prossimi mesi – ha spiegato – l’enfasi della politica economica dovrà necessariamente spostarsi dalla gestione degli effetti di breve periodo della crisi alla progettazione di interventi volti a rendere l’economia italiana più resiliente e sostenibile, in grado di crescere a ritmi più sostenuti. Altrimenti, esaurito il sollievo temporaneo che possono garantire le misure d’emergenza, le condizioni macroeconomiche e finanziarie del Paese non potrebbero che peggiorare.