Donna uccisa all’uscita dal lavoro

Il delitto con colpi di arma da fuoco a Misterbianco

0
35

Una donna di 27 anni, Giovanna Cantarero, da tutti conosciuta come “Jenny”, è stata uccisa con un colpo di pistola al volto. La vittima, che lavorava in un panificio-pasticceria di via Alfredo Nobel, all’angolo con via Allende alla periferia del centro abitato tra i quartieri Montepalma e Lineri, è stata sorpresa al termine del turno di lavoro, poco dopo le 21.30. Aveva con sè una busta con il pane trovato in strada vicino al corpo senza vita. La donna lascia una figlia piccola.

Dolore e strazio fino a tarda notte sotto la pioggia, con familiari e amici arrivati sul posto appena saputo della tragica notizia. Sull’accaduto indagano i carabinieri del Comando provinciale di Catania e gli uomini del Sis, il reparto di investigazioni scientifiche. I militari dell’Arma, coordinati dalla Procura di Catania, hanno sentito per tutta la notte testimoni, amici e familiari per ricostruire le ultime ore di vita della donna e le sue frequentazioni e per risalire  al movente e all’autore dell’omicidio. Al momento, nessuna ipotesi è esclusa: nè quella del femminicidio nè che l’omicidio sia maturato in altri ambiti.

Ci sarebbe un testimone oculare dell’omicidio. Una donna sarebbe uscita insieme con lei dall’esercizio commerciale ed insieme si sarebbero messe in attesa della madre di Giovanna quando quest’ultima è stata avvicinata da un uomo a volto coperto che le ha puntato la pistola alla testa per poi far fuoco ripetutamente. Sull’identità dell’uomo la testimone non ha saputo fornire dettagli utili alle indagini. La donna sotto shock è stata interrogata tutta la notte dai carabinieri del Comando provinciale di Catania.