Furiosa la Cina. Guerre commerciali Trump usa la clava contro TikTok e WeChat.

Stop alle app cinesi fra 45 giorni. Le società ricorrono in tribunale. Arrivano sanzioni per la governatrice di Hong Kong, Carrie Lam

0
7

Donald Trump usa la clava contro Pechino e firma due ordini esecutivi che, evocando rischi per la sicurezza nazionale, vietano tra 45 giorni qualsiasi transazione da parte di persone o entità soggette alla giurisdizione statunitense con le app cinesi TikTok e WeChat, di proprietà rispettivamente di Byte Dance e di Tencent. Un modo per costringere alla vendita di TikTok, già in trattative con Microsoft, peraltro ora dichiaratasi interessata ad una acquisizione globale della app (Cina esclusa). Più incerta appare invece la sorte di WeChat.

Il tycoon ha inoltre colpito il Dragone anche con le prime sanzioni per sua la stretta su Hong Kong, colpendo la governatrice Carrie Lame altri dirigenti cinesi. La mossa del tycoon ha mandato su tutte le furie le due società cinesi e il governo di Pechino. TikTok si è detta «sconcertata» dal provvedimento, che rischia di «minare la fiducia del mondo del business nell’impegno Usa verso il ruolo della legge», e ha minacciato azione legale.

«Perseguiremo tutti i rimedi disponibili per garantire che il ruolo della legge non sia ignorato e che la nostra compagnia e i nostri utenti siano trattati correttamente, se non dall’amministrazione, dai tribunali americani », ha avvisato la società, che conta 8oo milioni di utenti, di cui circa 100 milioni in Usa, in gran parte teenager che la usano per condividere brevi video. «Un atto chiaramente egemonico » e di «repressione politica », ha rincarato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin. «Col pretesto della sicurezza nazionale, gli Usa abusano frequentemente del potere nazionale e sopprimono senza ragione imprese rilevanti», ha aggiunto.

Il New York Times evoca il rischio di una «ulteriore balcanizzazione di Internet globale, con nazioni che continuano a escludere società straniere dai reciproci mercati». Ma per Trump entrambe le app forniscono al partito comunista cinese un canale per ottenere informazioni personali sugli utenti americani, per controllare i cinesi all’estero e per condurre campagne di disinformazione a vantaggio della Cina. I decreti del tycoon sembrano aver conseguenze più gravi su WeChat, che per ora non ha alcun pretendente americano.

La app è ampiamente diffusa nel mondo, in particolare tra persone di origine cinese: il bando potrebbe tagliare fuori gran parte delle comunicazioni informali tra le persone che si trovano in Cina e in Usa. Ci sono anche interrogativi se la decisione potrebbe avere conseguenze sulle altre attività legate a Tencent, che è un investitore in molte start-up Usa. In ogni caso Trump è deciso a proseguire la sua guerra fredda con la Cina, appoggiato da un Congresso che al Senato ha già approvato un progetto di legge per bandire TikTok da tutti gli apparecchi forniti dal governo ai suoi dipendenti o ai membri del Congresso.