L’area delle criptovalute rompe l’ostacolo dell’ETF su Money Road

0
14

La scorsa settimana, un’incredibile energia si è riversata da New York
con l’invio del principale Bitcoin Trade Exchanged Asset (ETF) approvato dalla US Protections and Trade Commission.
L’ETF della metodologia Bitcoin di ProShares (BITO) ha visto un’introduzione fenomenale sul New York Stock Trade,
come la seconda risorsa più scambiata nella storia del giorno di spedizione.
Alcuni l’hanno definita “un momento decisivo per l’area delle criptovalute”.

Altri, sia come sia, come il presidente dell’Arca Rayne Steinberg, hanno “prospettive contrastanti” nelle occasioni.
Pur essendo soddisfatto del fatto che un veicolo di criptovaluta eccezionalmente atteso abbia finalmente ottenuto l’approvazione amministrativa
dopo otto anni di sforzi inutili da parte dei direttori dei negozi statunitensi, ha domande sul nuovo articolo.
In particolare, il modo in cui dipende dai contratti potenziali e non segue direttamente il costo di Bitcoin (BTC).

“Non pensiamo che un potenziale ETF sia un modo decente per aprirsi a Bitcoin”, ha chiarito in un blog, aggiungendo,
“Gli ETF basati sul destino funzionano per lo scambio transitorio, tuttavia, hanno enormi problemi con i seguenti errori.
Ciò che la maggior parte dei finanziatori cerca per l’apertura di Bitcoin. “

Markus Mallet, avvocato e capo della società di consulenza Sledge Execution, ha concordato con altri che l’occasione è un risultato significativo.
In ogni caso, ha avvertito che “è semplicemente un risultato con una lunga escursione davanti”, rivelando a Cointelegraph,
“come sostenitore finanziario supponendo che tu abbia bisogno di una lunga apertura nelle criptovalute, e molti ne hanno bisogno,
ti orienteresti verso una risorsa che traccia Bitcoin “fisici” e non reali, un subordinato. “

L’ETF ProShares è scommesso sugli sviluppi di valore dei destini di BTC. Cioè, “finalmente l’articolo va storto dal costo di BTC stesso,
nonostante il modo in cui ProShares come garante è semplicemente un’altra persona di mezzo e quindi un rischio di controparte per il finanziatore”.

Futuro contro fisico

Numerosi finanziatori istituzionali si aspetteranno probabilmente un vero ETF Bitcoin
(collegato al mercato spot, non al mercato delle sussidiarie) che segua il costo reale del denaro crittografico, ha detto a Cointelegraph Campbell Harvey,
insegnante di scambio globale al Duke College. Il mercato delle prospettive di BTC è generalmente piccolo, ha aggiunto,
“e lo sforzo di acquisto, in seguito, richiederà un ‘rendimento roll’ negativo”, in particolare:

Stai pagando un premio per l’acquisto del futuro ogni volta che ‘cambia’ al seguente accordo. L’acquisto della vera risorsa è significativamente più immediato, tuttavia, la SEC non ha dato alcun segno di essersi dispersa per sostenerla. “

In un incontro sulla CNBC subito dopo il dispaccio del 19 ottobre,
l’amministratore della SEC Gary Gensler ha raccomandato il motivo per cui l’ufficio ha appena proposto questo modo aberrante all’area delle criptovalute:
“Questo è un oggetto amministrato per lungo tempo da un controllore del governo degli Stati Uniti,
la CFTC, e racchiuso da qualcosa nel nostro reparto dal Venture Organization Act 1940, quindi abbiamo una certa capacità di collocarlo nella sicurezza del finanziatore.

In quanto tale, il nuovo articolo avrà due gradi di assicurazione amministrativa, CFTC e SEC, contro possibili programmatori, controllori e truffatori.

Tuttavia, il bene spedito da ProShares è stato generalmente accolto con favore dai finanziatori.
Verso la fine del suo secondo giorno di scambio, è arrivato a $ 1 miliardo di risorse in amministrazione, un record di velocità tra gli ETF.

“Questo è il principale ETF americano destinato a seguire Bitcoin, e questo ha importanza”, ha detto a Cointelegraph il principale funzionario di Arca, Jeff Dorman.
“In ogni caso, non è l’oggetto di cui il mercato aveva bisogno,
né un oggetto che i consulenti monetari potrebbero avere, quindi presumibilmente una ricezione minore di quella che otterrebbe un vero ETF”.

Alcuni analisti, tra cui Harvey, pensano che sia enorme che Invesco, uno dei principali fornitori del frammento ETF,
abbia riferito lunedì scorso di aver abbandonato, in una certa misura per un breve periodo, un progetto ETF Bitcoin fates,
concentrandosi piuttosto su “costruire un Etf su risorse informatiche garantite”, come chiarito da un rappresentante di Invesco a Bloomberg.

L’ETF attirerà singoli utenti?
E per quanto riguarda gli investitori al dettaglio? Un ETF Bitcoin basato sul futuro sarà interessante o è troppo tecnico?

“Ci sono molti commercianti di azioni al dettaglio che utilizzano app di trading e non si fidano di acquistare Bitcoin sul mercato spot,
tanto meno di prelevare questi fondi in un portafoglio privato”,
Casein ha sottolineato, aggiungendo: “in alcune giurisdizioni, i commercianti al dettaglio potrebbero non essere in grado di negoziare su scambi di criptovaluta centralizzati.
Gli ETF aprono nuovi canali per ottenere esposizione all’azione dei prezzi di Bitcoin. “

Tuttavia, i “derivati ​​sottostanti complessi e valutati separatamente”
di ProShares ETF potrebbero aggiungere “un ulteriore livello di complessità per coloro che cercano un modo semplice e sicuro per acquistare Bitcoin”,
John Iadeluca, CEO di Banz Capital, ha dichiarato a Cointelegraph.
Harvey ha aggiunto che “gli investitori al dettaglio possono facilmente ottenere esposizione alle criptovalute utilizzando broker esistenti come Coinbase o Robinhood.
Possono aggirare l’ETF ed evitare i futures.

Tuttavia, “un ETF è un prodotto finanziario tradizionale che può essere scambiato in borsa come un’azione”, ha commentato Hammer.
“Ciò renderà senza dubbio attraente per un cliente al dettaglio inesperto competere in criptovalute attraverso il proprio conto di trading esistente e il sistema bancario (centralizzato) familiare”.
Non dovrà prendere decisioni su hot/cold storage, scambi di criptovalute, frodi, problemi e così via. “La praticità è la cosa più importante.”

Ether ETF in arrivo?
Bitcoin non è l’unica stella nella galassia delle criptovalute, ovviamente. In effetti, nell’ultimo anno il suo dominio è diminuito alla fine dell’anno, e alcuni addirittura parlano di un “ribaltamento” in cui Ether (ETH) supererà Bitcoin nel valore di mercato totale.
Sorge una domanda: quanto dista un ETF su Ether approvato dalla SEC?

“Considerando che Ethereum è la seconda criptovaluta più grande al mondo, le possibilità di un Ethereum ETF sono alte”, ha affermato Jay Hao,
CEO dell’exchange di criptovalute OKEx, “ma ha ancora bisogno di tempo per maturare”.

“Ethereum tende a seguire Bitcoin in termini di azione sui prezzi e attenzione”, Caselin Indicator.
“Tuttavia, a differenza di Bitcoin, Ethereum non sarebbe adatto come moneta a corso legale.
Inoltre,Ethereum è ancora in fase sperimentale e, nonostante le eccellenti prestazioni del progetto, rimangono ancora interrogativi sulla transizione del consenso proof-of-stake. “