L’informatico che afferma di essere il creatore di Bitcoin Satoshi Nakamoto vince una disputa sulla criptovaluta da $ 50 miliardi

0
377

Craig Wright, un ricercatore di PC che si professa l’innovatore di Bitcoin,
ha vinto lunedì in una decisione preliminare comune contro il gruppo di un collega scaduto che sosteneva di dovergli la metà di una fortuna
in valuta digitale del valore di molti miliardi.

Una giuria della Florida ha osservato che Wright non doveva la metà di 1,1 milioni di Bitcoin al gruppo di David Kleiman.

La giuria ha concesso 100 milioni di dollari (88,6 milioni di euro) in libertà di innovazione autorizzate a uno sforzo congiunto tra i due uomini,
una piccola quantità di quanto richiesto dai consulenti legali di Kleiman in fase preliminare.
David Kleiman ha tirato le cuoia nell’aprile 2013 a 46 anni. Spinto da suo fratello,
Ira Kleiman, la sua famiglia ha garantito che David Kleiman e Wright erano cari compagni e hanno co-creato Bitcoin attraverso un’associazione.

Al centro del preliminare c’erano 1,1 milioni di Bitcoin, per un valore di circa 50 miliardi di dollari (44,2 miliardi di euro) a causa dei costi di lunedì.

Questi erano tra i principali Bitcoin da realizzare attraverso il mining e devono essere rivendicati da un individuo o da un elemento impegnato con il denaro computerizzato fin dall’inizio,
come il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakamoto.

Attualmente l’area locale del denaro crittografico spera di verificare se Wright termina la sua garanzia per dimostrare di essere il proprietario di Bitcoin.
Fare in questo modo darebbe fiducia al caso di Wright, presentato per la prima volta nel 2016, che è Nakamoto.